Benefici - Oleificio F.lli Bianco S.R.L.

Vai ai contenuti

Menu principale:

Benefici

Notizie


Olio extra Vergine di Oliva
Ingredienti
Una caratteristica che distingue l'olio di oliva dagli altri oli vegetali è legata al suo maggior contenuto in acido oleico; negli oli di semi prevale invece il linoleico.
In un olio di oliva di buona qualità:
§ l'acido oleico non dovrebbe essere inferiore al 73%
§ l'acido linoleico non dovrebbe superare il 10%
§ il rapporto oleico/linoleico dovrebbe essere ≥ 7.
Queste caratteristiche permettono all'olio di oliva di conservarsi più a lungo rispetto a qualsiasi altro tipo di olio; la tendenza all'irrancidimento è infatti direttamente proporzionale al numero di doppi legami presenti negli acidi grassi.

Benefici dell' olio di Oliva

L’olio extravergine d’oliva, in realtà, è uno dei migliori per friggere perché, anche a temperature piuttosto alte, non si decompone e non dà origine a sostanze dannose per l’organismo, come fanno altri oli. L’olio d’oliva, inoltre, è molto digeribile; saranno magari pesanti le pietanze su cui è aggiunto; l’acido oleico, abbondante nell’olio d’oliva, stimola la contrazione della cistifellea, favorendo la liberazione degli acidi biliari e, di conseguenza, la digestione.
L’olio d’oliva è molto ricco di acidi grassi monoinsaturi. 100 grammi di olio d’oliva contengono ben 72,95 grammi di acidi grassi monoinsaturi, più del doppio dell’olio di girasole. Proprio in virtù della composizione in acidi grassi è uno dei condimenti più indicati per chi soffre di colesterolo alto. L’olio extravergine d’oliva, infatti, aiuta a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo LDL (quello cattivo), senza incidere negativamente sulla quantità di colesterolo HDL (quello buono).

Leggi tutto su: viversano.net

Confezionamento ed imbalalggio

I contenitori sono molto importanti. Non si possono trascurare. Devono essere tali da non trasmettere odori e sapori facilmente catturabili dall’olio, oltre poi a risultare impermeabili all’ossigeno, all’umidita e alla luce, devono anche essere atermici e facilmente ispezionabili per una perfetta pulizia e preferibilmente infrangibili.
I contenitori devono essere quindi tali da non trasmettere odori e sapori facilmente catturabili dall’olio, risultare impermeabili all’ossigeno, all’umidita e alla luce, atermici, facilmente ispezionabili per una perfetta pulizia e preferibilmente infrangibili.
Il miglior materiale per la conservazione dell’olio e senz’altro l’acciaio inox, nella vendita al dettaglio trova pero ampio impiego la lattina in banda stagnata; anche le bottiglie in vetro sono ottimi recipienti per il confezionamento e la conservazione dell’olio, purche venga utilizzato il vetro scuro.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu